casa d'arte viadeimercati

RADIOGRAFIA DI UN ANALPHABETA

Biagioli è Biagioli: sempre divertente, svagato, visionario, in odore di neoespressionismo da Factory newyorkese germogliata in quel di Pistoia. All’imprinting di ieri oggi va riconosciuta però un’evoluzione e una consapevolezza in più, anche se le cifre stilistiche dal segno facilmente decifrabile e il cromatismo vivace sono gli stessi. Deliziose opere di piccolo formato 20X20, o giù di lì, di un artista in cui vita/temperamento/arte coincidono senza sforzo e se conoscono l’onda d’urto del successo la cavalcano allo scopo di crescita. Basta conoscerlo per sapere quanto il suo linguaggio pittorico gli appartenga in toto, anche oltre il perimetro della tela. La sua città è catramosa e cola smog, La città si scioglie, o “carbografica”, Carbografia La notte di Babilonia, la sua Colazione sull’erba esibisce uovo fritto, la sua umanità, un po’ robotizzata, un po’ fumettistica potrà essere denuncia o nostalgia estrosa, senz’enfasi. Questo di lui convince: la sintassi formale senza intellettualismi, con un progetto limpido. Non privo di sostanza e di luminosità innamorata: La notte delle stelle nere, Opera d’amore, Fiori di pietra. Perché Filippo Biagioli è prima di tutto un affabulatore, il giullare di se stesso con le sue brave poetiche malinconie, che sono poi anche le nostre (come ogni vero giullare ci ricorda, regalandocele). Dunque cosa ci racconta in questa serie di lavori a tecnica mista? Di tutto: frammenti di quotidianità, sofferenze mai nascoste, pur nell’entusiasmo coloristico, piccole fobiche manie....
<i></i><span>Read</span>
1975
 è OBBLIGATO a nascere a Pistoia il 9 Febbraio
1991 
Spinto dalla passione verso i cartoni animati inizia a dipingere t-shirt con una serie di personaggi da lui creati e continua nei 6 anni seguenti.
1999 
Conosce il Pittore Romolo Romano (con cui stringerà una grande amicizia) e il Suo Club Artisti Contemporanei. Partecipa quindi, attivamente alle loro mostre.
2007 
Apre su internet “Analphabeta Channel”. lo spazio che conterà tutti i suoi contenuti video.
Viene notato su internet dalla Critica d’Arte Elisabetta Rota.
Conosce e inizia a lavorare con Giuliano Arnaldi e il Suo format culturale TRIBALEGLOBALE. Quasi nello stesso periodo conosce on-line Paola Bertolazzi gallerista di “Via dei Mercati” che in poco tempo diventerà la sua galleria di riferimento.
Partecipa al Padiglione della Marginalità già Padiglione dell’Afghanistan presso la 52 Biennale d’Arte di Venezia.
2008 
Esce il libro fotografico “Capitolo Zero: La Caduta delle Nubi”
2009 
Entra in mostra permanente nei presidi del MAP, Museo Arti Primarie. A luglio inizia a disegnare il fumetto CRIBA, creando il gruppo CRIBA IL FUMETTO SENZA SENSO…NEMMENO A VOLERLO su un noto social network dove è possibile leggere gli sviluppi della storia.
In seguito dedicherà un forum a “CRIBA il fumetto senza senso”, dal titolo “GATE 17: CRIBA legend rebirth”.
2010 
La galleria “Via dei Mercati” è la sua galleria di riferimento
Fondazione Tribaleglobale dedicate all’esplorazione della vicinissima Montagna Sacra del...
<i>Biografia</i><span>Read</span>