Tedofra Art Gallery

Riscrivere

Due sono gli aspetti che caratterizzano la mia ricerca, seppur con modalità e accezioni diverse in ogni lavoro: il riferimento alla scrittura e allo spazio del libro e l’attrazione per la geografia.
Anche il progetto pensato per questa mostra affronta queste due tematiche.
Il legame con il libro trova espressione nell’idea che ha ispirato la mostra: una riscrittura visiva del volume “Atlante delle isole sconosciute. Cinquanta isole dove non sono mai stata e mai andrò” di Judith Schalansky .
La relazione con la geografia è racchiusa nel soggetto del libro: un libro-atlante in cui la cartografia si unisce alla narrazione. Un viaggio attraverso cinquanta isole realmente esistenti ma remote e piccolissime, spesso così lontane dalla loro madrepatria da non comparire nella cartografia ufficiale delle varie nazioni.
La scelta di questo manuale è motivata dal fascino che da sempre ho provato per gli oceani, per la vastità, l’infinitamente grande che essi richiamano. Attratta da questa grandezza, ho avvertito, fin dal primo momento in cui l’ho scoperto, un grande interesse per il libro della Schalansky per l’attenzione che esso invece dedica all’infinitamente piccolo, a quelle terre, le isole, che per definizione implicano la presenza dei mari rispetto ai quali non sono che piccoli punti dispersi nel blu delle loro acque.
Seguendo queste motivazioni, ho voluto sviluppare due lavori in cui ci fosse un legame significativo con lo spazio-libro. Entrambi hanno carattere installativo, dunque giocano con gli spazi della galleria...
<i></i><span>Read</span>
Laura Bisotti è nata a Piacenza, Italia, nel 1985. Vive e lavora a Bologna.
Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove, nel 2010, consegue il Diploma di Secondo Livello in Arti Visive. Terminati gli studi, ottiene alcune borse di ricerca e finanziamenti da enti pubblici e privati che le consentono di vivere esperienze di residenze artistiche sia in Italia, sia all’estero (Fundación BilbaoArte – ES, Slade School of Fine Arts – Londra, UK, Accademia Reale di Spagna – Roma). Negli stessi anni partecipa a esposizioni collettive in Italia e Spagna e, nel 2010, tiene la sua prima mostra personale a Bilbao, ES, curata da Roberto Daolio. Nel 2013 inizia una collaborazione con la galleria Zak Project Space di Siena che la presenta ad Arte Fiera Bologna 2014. Oggi continua a lavorare unendo l’attività di ricerca e formazione alla collaborazione con nuove gallerie tra cui Tedofora Art Gallery di Bologna e Marignana Arte di Venezia.

2015
Riscrivere, a cura di Michele Tavola, Tedofra Art Gallery, Bologna
2014
Quiet, a cura di Gaia Pasi, galleria Zak Project Space, Siena
2011
En viaje, a cura di Roberto Daolio, Fundación BilbaoArte, Bilbao, ES

Esposizioni collettive
2015
Collettiva, Galleria Marignana Arte,Venezia
2014
Arte Fiera Padova, a cura di Alice Baldan , Tedofra Art Gallery, Padova
Geografie, a cura di Gaia Pasi e Marina Gennari, galleria Zak Project Space, ex Convento del Ritiro, Siracusa
Cuore di pietra 2014. Un progetto di public art a Pianoro, a cura di Mili Romano, Pianoro (BO)
Altre mappe, a cura...
<i>Biografia</i><span>Read</span>