Frassino

Catalogo Affordable 2016

Tricromia

Fogli e colori. Soltanto carta si direbbe… eppure una musica, un mondo. Galleria d’arte Tricromia

La passione della Galleria d’arte Tricromia per la carta e i colori ha compiuto vent’anni. Sulle sue pareti hanno scritto i migliori artisti e disegnatori, portando ognuno i propri respiri e la propria armonia. Altan, Mattotti, Toppi, Bucchi, Pericoli, De Loustal, Igort, Luzzati, Matticchio, Gipi, Toccafondo, Ricci…

Tricromia nasce nel 1990, e da allora la galleria ospita, scopre, promuove disegnatori, artisti e scultori con l’amore per l’arte “semplice” del disegno e anche con spirito giocoso (è anche questo l’arte). Non si accontenta dell’evanescenza di una mostra, degli eventi che accoglie, tutti “a tempo determinato” – così è la caducità di una esposizione – e mette in atto una cura per fermare il movimento di quei colori che vanno e vengono, che periodicamente si posano sulle pareti bianche della galleria per poi volare altrove.

La galleria Tricromia diventa anche editore d’arte. Insieme agli artisti decide di “fissare” la bellezza di quei disegni in una pubblicazione, che vuol dire un libro d’arte – certo – ma anche una scatola, carte, taccuini, persino un teatrino.

Nasce una vera e propria collana editoriale dedicata ai maggiori artisti internazionali.



Il connubio comincia con una mostra di Chiara Rapaccini e il libro “Cose da Guardare Cose da Leggere”. Seguiranno una serie di pubblicazioni “da esposizione”. L’avventura con Lorenzo Mattotti, artista molto presente a...
<i>TRICROMIA-INTERNATIONAL ILLUSTRATOR'S ARTGALLERY-</i><span>Read</span>
Lorenzo Mattotti, uno degli illustratori e fumettisti italiani più rilevanti, nasce nel 1956.

Lorenzo Mattotti esordisce alla fine degli anni 70 come autore di fumetti e nei primi anni 80 fonda con altri disegnatori il gruppo Valvoline. Lorenzo Mattotti nel 1984 realizza Fuochi, che, accolto come un evento nel mondo del fumetto, vincerà importanti premi internazionali. Con “Incidenti”, “Signor Spartaco”, “Doctor Nefasto”, “L’uomo alla finestra” e molti altri libri illustrati fino a “Stigmate”, il lavoro di Lorenzo Mattotti si è evoluto secondo una costante di grande coerenza, ma nel segno eclettico di chi sceglie sempre di provarsi nel nuovo.

I libri di Lorenzo Mattotti sono tradotti in tutto il mondo. Lorenzo Mattotti pubblica illustrazioni e copertine su quotidiani e riviste come The New Yorker, Le Monde, Das Magazin, Nouvel Observateur, Corriere della Sera, Repubblica e Vanity Fair. Per l’infanzia illustra vari libri tra cui “Pinocchio” e “Eugenio” che vince nel ’93 il Grand Prix di Bratislava, uno dei massimi riconoscimenti nell’editoria per ragazzi.

Numerose le sue esposizioni personali tra le quali l’antologica al Palazzo delle Esposizioni di Roma e The Frans Hals Museum in Harlem. Disegna copertine, manifesti come il manifesto di Cannes 2000 e i manifesti per l’Estate Romana, e campagne pubblicitarie.

Ha collaborato a “Eros” di Wong Kar Way, Soderbergh e Antonioni.

Lorenzo Mattotti vive e lavora a Parigi.



La galleria d’arte Tricromia inizia la collaborazione con...
<i>Bio Lorenzo Mattotti</i><span>Read</span>
La carta, suscita curiosità e l’impellente esigenza di slegare questo nobile materiale dagli stereotipi che da sempre lo costringono a materiale ausiliario. la spazialità e il possibile sviluppo dell’ immagine e della materia nella terza dimensione, si uniscono a questa visione a tutto tondo. Cosa c’è dietro l’immagine e intorno ad essa lo si nota attraverso i suoi lavori, minuziose chirurgie, carte scrupolosamente intagliate a mano e allestite all’interno dell’oggetto libro con la tecnica del Pop Up, sfruttando lo spazio, la materia o la mancanza di essa.
La sua arte si muove attorno al concetto di vuoto che riempie e plasma a suo piacimento lo spazio. Il suo intervento elimina, le forme dalla superficie, in modo da consentire a ciò che ne rimane, di divenire a sua volta delle superficie-forma comprensibile, leggibile. L’artista esplora così il possibile sviluppo dell’immagine e della materia nella terza dimensione, in una visione a tutto tondo.

Con la Galleria Tricromia Luigia Giovannangelo presenterà tre libri unici d’artista tratti da tre novelle de “Lo cunto de li cunti” di Giovan Battista Basile.
Una donna prega il suo Dio al mattino e alla sera, ogni mattina e ogni sera di ogni giorno, in cambio di un erede, un qualsiasi erede.
il ventre inizia a crescere e dopo nove felici mesi arriva lei, Mortella, una tanto attesa per quanto inaspettata pianta di mirto. al lieto, seppur strano evento, si susseguono incontri, amori, passioni, invidie e distruzioni. Leggendo le fiabe di Giambattista Basile, il...
<i>Bio Luigia Giovannangelo</i><span>Read</span>
Maurizio Quarello è nato nel 1974 a Torino. Ha studiato graphic design, architettura e illustrazione nella sua città natale e, a completare i suoi studi ha specializzato e inizia a lavorare come illustratore nel 2004, anno cruciale del Prix des médiateurs Figures Futur al Salon du Livre de Montreuil e altri tre premi acquisita a concorsi nazionali illustrazione.
Il suo primo libro illustrato, dal titolo " Babau cerca casa " è uscito nel 2005 da Orecchio Acerbo ed è stato premiato in Italia con Primo Voto come il miglior libro fotografico dell'anno. Da allora ha pubblicato circa 40 libri, in 21 paesi di 5 continenti, con aziende come Orecchio Acerbo (I), Sarbacane (F), Rouergue (F), Milano (F), Sterling Publishing (USA), Grupo SM ( e), Barbara Fiore (e), Kumon (J) e Gerstenberg (D).
I suoi libri hanno ricevuto numerosi premi in Italia, Francia, Spagna, Belgio, Svezia e in Germania.
Nel 2012 è stato assegnato il Premio Andersen Award come migliore illustratore italiano, ha ricevuto Llibreter premio in Spagna e Libbylit in Belgio, nel 2013 con i seguenti premi : Premio Littéraire des Ecoliers , lis XI Premio Je J'elis , XV Premio Nazionale un Libro per l'Ambiente e il Prix du Mouvement 2013 pour les Villages d'Enfants , nel 2014 con la IBBY Silverstar in Svezia, premio Orbil e premio Fondazione Cassa di Cento in Italia, nel 2015 con il premio Laura Orvieto , 1 ° premio in Italia.
e ' ha dimostrato la sua opera in mostre personali presso il Centro Galego de Arte Contemporánea CGAC di Santiago de Compostela e al Museo Luzzati di...
<i>Bio MAURIZIO QUARELLO</i><span>Read</span>
Riccardo Mannelli, fumettista e disegnatore, nasce a Pistoia (1955) e vive a Roma dal 1977.

Protagonista delle maggiori testate satiriche europee dal 1975, alcune delle quali dirige, o partecipa alla fondazione (Il Male, Boxer, Il Cuore). Riccardo Mannelli, ha collaborato con riviste a fumetti come Linus e Alter Linus, e realizzato réportages disegnati per L’Europeo, La Stampa, Il Messaggero e il Manifesto. Lavora per La Repubblica e Il Fatto Quotidiano e con altre testate, anche estere.

Parallelamente ha evoluto una personale ricerca pittorica, documentata in svariate mostre e cataloghi, tra i cui esiti: il ciclo pittorico di sessanta opere Commedia in Z.E.R.O.; il fregio virtuale proiettato sull’Ara Pacis Apoteosi dei corrotti, da cui è nato l’omonimo libro illustrato; con Jan Saudek Teneri Barbari. Nel 2011 viene invitato alla 54 Biennale di Venezia, Padiglione Italia e nell’ambito delle Mostre d’ Arte al 54 Festival Dei Due Mondi di Spoleto.

Riccardo Mannelli, insegna all’Istituto Europeo del Design dove coordina il dipartimento di Illustrazione.

Riccardo Mannelli e la galleria Tricromia iniziano una lunga e fruttuosa collaborazione nel 2006 con l’esposizione dal titolo “In Sonno”.

Nel 2008, edito da Tricromia, esce il libro illustrato “Quaderno da notte”, con opere in mostra presso gli spazi della galleria.

Nel 2010 la collaborazione con Mannelli si avvale della mostra “Je suis l’excessive” e nel 2012 di “A. Parlando proprio di corpo”, in concomitanza alla pubblicazione dell’omonimo...
<i>Bio RICCARDO MANNELLI</i><span>Read</span>
Simone Massi, animatore e illustratore italiano, nasce a Pergola nel 1970. Dopo un passato da operaio, ha studiato Cinema di Animazione alla Scuola d’Arte di Urbino.

Animatore indipendente, è considerato uno dei principali autori di cortometraggi di animazione italiani a livello internazionale e uno degli ultimi pionieri dell’animazione “a passo uno” (interamente a mano).

I cortometraggi animati di Massi sono stati mostrati in 55 Paesi dei 5 Continenti ed hanno raccolto oltre 220 premi. Tra gli ultimi: Lieve, dilaga (2012), Venezia / Massi (2012) e Animo resistente (2013).

Come illustratore, Simone Massi nel 2011 ha illustrato il libro di Nino De Vita La casa sull’altura, ed è stato inserito nella terna dei finalisti della XXX edizione del premio Andersen per la sezione “Miglior albo illustrato”.

Di seguito, llustra la trilogia dedicata da Edmondo De Amicis alle capitali d’Italia “Torino”, “Roma” e “Firenze”e il volume “Le Marche”, tratto da Viaggio in Italia di Guido Piovene.

Disegna anche copertine per riviste (“D’Ars”, “Lo straniero”, “Lumière” e altre) e manifesti (“Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia”, “Inventa un film”, “Corto d’autore”).

La galleria Tricromia di Simone Massi in aprile 2013 presenta un lavoro del tutto inedito dal titolo “Scene dentro noi”, trentadue disegni di cm 30×30 che inaugurano la nuova proposta editoriale di Tricromia del “Libro D’artista”, un libro oggetto a tiratura limitata nel cui interno è...
<i>Bio SIMONE MASSI</i><span>Read</span>