CATALOGO AAF 2017

ARCgallery

Ritratti di città e ritratti di donne: quale nesso lega questi soggetti? Apparentemente nessuno. Eppure nei frammenti dei paesaggi urbani, nelle visioni di metropoli, negli spaccati di periferie delle opere presentate da ARCgallery in questa edizione di AAF si percepisce una città che va oltre le architetture recenti e i reperti di archeologia industriale. Sono paesaggi trasfigurati da un linguaggio artistico proprio degli autori - in modo particolare Nadiaanna Crosignani, Isa Locatelli, Brunella Rossi e Paolo Sangalli e Sonia Scaccabarozzi - che partono dalla realtà per approdare ad una dimensione più intimista, ottenuta rielaborando il dato fisico con la sensibilità artistica di chi coglie l’essenza, l’anima del genus loci. Il paesaggio diventa così un medium, uno spazio/luogo transitorio di un rapporto in continua dialettica tra esterno e interno, tra reale e spirituale. Inutile quindi cercare nella realtà uno scorcio urbano rappresentato in questi lavori che idealmente si rifanno ad un luogo fisico conosciuto ma non riconoscibile, sedimentato nella memoria dell’autore con le sensazioni che gli ha trasmesso.
Così le donne ritratte: ballerine senza corpo, volti femminili appena accennati di cui si percepisce la presenza attraverso elementi esteriori come un tutù di danza o un abito da sera. Nelle ballerine di Carla Giulia Rescaldani, nelle donne di BettiBellù e Nadianna Crosignani, nei volti scolpiti di Francesca Romano il rimando alla loro interiorità è immediato. Sono donne che non si raccontano apertamente ma che...
<i>PAESAGGI DELL'ANIMA</i><span>Read</span>