Michele Ranzani

Michele Ranzani - Photoart

INTERNO CON FIGURE è un progetto inerente la forma muliebre.
Essa appare chiusa in una sorta di limbo domestico, in bilico fra vita e morte. Incarnati lividi, volti spesso assenti o tagliati, figure di spalle. I soggetti si stagliano in uno spazio estraneo da un contesto d’interno plausibile; pure autentiche in ogni tratto. Il fil rouge è una femminilità bloccata in un’astrazione della realtà, rifugio e prigione insieme. Le forme, i dettagli si delineano in un mondo parallelo, simbolico.

"La fotografia è per me un luogo sicuro. Luci in una dimora d'inverno vista dal giardino. Interno con figure è appunto... un interno. È al chiuso. Un rifugio. Cerco in quel rifugio la sicurezza della perfezione. Formale. Ma sono anche prigioniero di quelle stanze vuote. Non sono luoghi reali. Sono indefinibili ambienti deserti, nei quali emerge, si staglia la figura femminile. Quasi sempre senza volto. Più simbolo che identità. Gli abiti sono chiari. Gli incarnati sono spesso lividi, anche se sfumano in tonalità più tenui. I piedi sono nudi. Sempre. Le piante visibili e prive di segni. Delicate, fragili. E c'è tristezza, sì.
Più malinconia, direi... Sono luoghi inaccessibili. Teche di museo".

STILL LIFE MARKET è un progetto sulla natura morta. La presenza di corde e la concreta sospensione degli oggetti è volontà di decontestualizzare il soggetto da una comune realtà di appartenenza, ma anche quella di rimarcare la fragile natura intrinseca del soggetto, inerme e pur magnifica nelle forme, opera d’arte naturale.

Michele...
<i>Interno con figure</i><span>Read</span>