Salamon&C.

Contemporary Fine Art on Paper

Le opere di Karl Mårtens saranno messe in dialogo con gli stupefacenti acquerelli di Marzio Tamer, maestro indiscusso nell’ambito del naturalismo metafisico. Padrone di una tecnica pittorica straordinaria, Tamer si rivela un artista unico e prezioso per la capacità di andare oltre il dato reale, trascendendo la verosimiglianza verso un oltre che ha il sapore della metafisica. I suoi animali – ritratti a figura intera o in primissimi piani dai tagli fotografici azzardatissimi – si fanno icone agli occhi dello spettatore, non solo per la forte carica emotiva e di personalizzazione, ma anche per l’ambientazione nella quale l’artista li colloca, sottraendoli al dato reale e lasciandoli sospesi in una realtà altra e indecifrabile, in spazi incerti e fluttuanti che ci spingono a immergervi lo sguardo alla ricerca di chiavi e risposte.
Anche nei paesaggi – per i quali non sceglie mai gli scenari tipici del pittoresco, ma piuttosto scorci anonimi, angoli timidi di natura – il suo pennello travalica il reale per tradurlo in originali incontri di piani inclinati, in prospettive ipnotiche e pericolanti nelle quali lo sguardo dello spettatore felicemente si perde, lungo sentieri che sfiorano l’astratto.

Marzio Tamer esporrà per la prima volta in un museo milanese sessanta capolavori provenienti da ventinove collezioni private, dal 4 ottobre al Museo di Storia Naturale, in corso Venezia 55. La rassegna si protrarrà fino al 7 gennaio del 2018.

L'opera di Tamer è anche protagonista del video della Maserati, che lo ha scelto per...
<i></i><span>Read</span>