Candido Baldacchino

Countryside

Grande ritorno di Candido Baldacchino, autore che ha fatto della malinconia e della temperanza la propria cifra stilistica, con una raccolta naturalistica in bianco e nero che è in realtà un omaggio alla sua colorata e plasticosissima Holga 120S: strumento fotografico giocattolo di cui è indiscusso maestro.
Countryside, ovvero “campagna” in italiano, è il termine usato per indicare il luogo di villeggiatura, o di lavoro, che è il punto di mezzo tra il mare e la montagna, tra la chiassosità solare delle spiaggie e l’ascetismo delle vette impervie. La campagna di Baldacchino è il baricentro ideale in cui la natura e le opere dell’uomo si incontrano in un abbraccio mortale in cui si annichiliscono in uno stallo senza tempo, così come la luce e la pellicola si fondono per fissare un istante che proprio nella sua morte trova la vita eterna.
Ogni immagine ritrae un presente decadente che allude ad una passata grandezza: campi incolti o dormienti, paesaggi autunnali, manufatti giganti catapultati nel più completo abbandono. Sequenze di lunghi istanti in cui la natura violata e ferita ritrova all’apice della propria morte apparente la forza di abbracciare in una stretta fatale la tecnologia umana e le sue imposizioni: una stretta in cui si perdono i confini tra stupratore e vittima e in cui è il disinteresse umano a permettere un ritorno a quella pace che è l’ordine naturale delle cose.
Scatti come sempre intimisti ed interiori quelli di Baldacchino, in cui le vignettature tipiche della Holga sono i buchi di serratura...
<i>Countryside</i><span>Read</span>
Sono nato a Torino, dove tutt'ora vivo. Ho collaborato con diverse case editrici; i miei portfoli sono stati pubblicati da riviste fotografiche quali Gente di Fotografia, Photo Italia, Reflex, Fotocult, Fotografare, Réponses Photo, Il Fotografo ecc. Mi è stato chiesto di tenere dei workshop; tra i più importanti: Holga mon Amour, sponsorizzato da PH Libero, agenzia fotografica di Torino, con la quale collaboro ancora. Le mostre finora allestite in location prestigiose, sono state per me una fonte di grande soddisfazione (Giovani Fotografi Italiani: Milano, Modena 1992; Galleria Carrara di Bergamo 1993;Diaframma-Kodak Cultura, Milano 1993; Immagini del Gusto: Istituto Italiano della Fotografia, Bibbiena 2005; Galleria Lanterna Magica, Palermo 2008; Open Gallery, Atlanta 2009; Art Code allo Stattbad di Berlino 2009; Confini 08: Firenze, Torino, Roma, Genova, Milano, Palermo, Trieste 2010/2011; Foto Pauvre: Rambouillet-Parigi 2010; Progetto P Galleria Gallerati, Roma 2011; Paratissima, Torino 2012; Mia Fair, Milano 2013; Paratissima, Torino 2013; Mia Fair, Milano 2014; Mia&D Singapore 2014; Paratissima, Torino 2014; Multilayers NH hotel, Milano 2014-2015; Mia Fair Milano 2015, Start Art Fair Saatchi Gallery, Londra 2015, Paratissima, Torino 2015; Mia Fair, Milano 2016; Art Fair Colonia, Colonia 2016; Paratissima, Torino 2016; Mia Fair, Milano, Marzo 2017; Artyfact Gallery, New York, Aprile 2017; ArtExpo New York, Aprile 2017, Mercanteinfiera, Parma, Ottobre 2017, Paratissima, Torino, Novembre 2017; Mia Fair, Milano 2018, Kolnerliste,...
<i>Candido Baldacchino</i><span>Read</span>